La cittadina jonica si conferma località turistica d’eccellenza confermando per il secondo anno consecutivo l’assegnazione della Bandiera Blu 2015 conquistata l’anno scorso per la prima volta nella sua storia. La notizia, seppure circolata sotto forma di indiscrezione è trapelata ieri mattina primo maggio ed è stata confermata dallo stesso sindaco Franco Mundo il quale, prima di fare festa, ha dichiarato di voler aspettare la comunicazione ufficiale. Un primo maggio da festeggiare doppiamente dunque per la cittadina jonica. Smentite quindi tutte le Cassandre ed i grilli parlanti che si sono affannati in questi mesi a prevedere la perdita del prestigioso vessillo che incorona le spiagge più rinomate e più belle dello Stivale. I risultati ufficiali, come è ormai consuetudine, saranno annunciati dalla FEE il 5 maggio sul proprio sito internazionale ed il 12 maggio a Roma, in Campidoglio, ci sarà la consegna della Bandiera Blu 2015 nelle mani del sindaco. Anche quest’anno, a dimostrazione che ormai…il dado è tratto,  la Spagna ha confermato il suo primato con 578 Bandiere Blu, al secondo posto la Turchia con 436, al terzo la Grecia con 395 mentre l’Italia si conferma al sesto posto superando il record del 2014 e passando da 269 a 283. Questa la classifica 2015 delle Bandiere Blu delle spiagge nel Mediterraneo, così definita dalla giuria internazionale della Fondazione per l’educazione ambientale (Fee) che si è riunita a Copenhagen. Per il resto ancora si sa poco ed in condizionale è quindi d’obbligo: insieme alla cittadina jonica confermerebbero il riconoscimento della FEE anche le altre tre spiagge calabresi, tutte sul mare Jonio: Cirò Marina e Melissa in provincia di Crotone e Roccella Jonica in provincia di Reggio Calabria. Il marchio “Bandiera Blu”, come è noto, viene attribuito alle località che partecipano al concorso presentando la necessaria documentazione che in particolare tiene conto: -della qualità delle acque della balneazione; -del confort delle spiagge e della loro accessibilità anche da parte dei portatori di disabilità; -dei servizi e delle misure di sicurezza; -della raccolta differenziata e più in particolare -dell’insegnamento dell’educazione ambientale nelle scuole attraverso progetti didattici dedicati. Obiettivo principale di questo programma è quello di incoraggiare la politica ambientale di numerose località rivierasche verso un criterio di eco-sostenibilità. In questa ottica l’assegnazione della Bandiera Blu, oltre a rappresentare un importante riconoscimento “al merito”, può e deve tradursi in uno stimolo a fare sempre meglio e ad elevare gradatamente la qualità della vita sia per i turisti che per i residenti.

mare trebisacce